20 GIUGNO: GIORNATA MONDIALE DEL RIFUGIATO

Al fine di intensificare gli sforzi per prevenire e risolvere i conflitti e contribuire alla pace e alla sicurezza dei rifugiati, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha scelto di celebrare la Giornata Mondiale del Rifugiato il 20 giugno di ogni anno con la Risoluzione 55/76. Il documento è stato approvato il 4 dicembre 2000 in occasione del 50° anniversario della Convenzione del 1951 relativa allo status dei rifugiati.

Per celebrare la Giornata, l’UNHCR ha lanciato la campagna #WithRefugees che durerà fino al 19 settembre. La campagna ha come obiettivo quello di far conoscere i rifugiati attraverso i loro sogni e le loro speranze: prendersi cura della propria famiglia, avere un lavoro, andare a scuola e avere un posto che si possa chiamare “casa”. Molti attori e personaggi pubblici stanno partecipando alla campagna inviando messaggi e foto con lo slogan #WithRefugees. Lo scopo della campagna consiste nel mostrare ai leader mondiali che i cittadini sono dalla parte dei rifugiati e vogliono inviare un messaggio ai governi affinché collaborino per migliorare le loro condizioni.

La petizione #WithRefugees verrà presentata all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York il 19 settembre e consisterà in una serie di richieste rivolte ai governi: garantire che ogni bambino rifugiato possa accedere all’istruzione, che ogni famiglia rifugiata abbia un posto sicuro in cui vivere e garantire che ogni rifugiato possa lavorare o acquisire nuove competenze per dare il suo contributo alla comunità.

Negli ultimi dieci anni, l’UNHCR ha presentato la richiesta per il reinsediamento in favore di più di 1 milione di rifugiati a 30 diversi paesi, ma il numero di persone che necessitano di reinsediamento supera di gran lunga le opportunità disponibili in un paese terzo. Nel rapporto Projected Global Resettlement Needs 2017 che fotografa questa situazione, si afferma che in virtù dell’aumento delle quote di reinsediamento da parte di alcuni paesi, e dell’aumento delle richieste, il numero previsto di persone che necessiteranno di reinsediamento nel 2017 raggiungerà i 1,19 milioni, ovvero il 72% in più rispetto al 2014. Il reinsediamento è una delle soluzioni migliori per i rifugiati, insieme all’integrazione nella società di accoglienza e al rimpatrio volontario. Grazie a questo strumento, ai rifugiati che non possono rimanere nel Paese di primo asilo,  né possono rientrare nel proprio, viene data la possibilità di cominciare una nuova vita in un Paese terzo.

Nel 2017 i siriani, seguiti da cittadini del Sudan, dell’Afghanistan e della Repubblica Democratica del Congo, saranno tra coloro che maggiormente necessiteranno di un programma di reinsediamento.

L’UNICRI sta conducendo un programma per lo sviluppo di meccanismi regionali e nazionali di risposta rapida alle sfide poste dalla migrazione irregolare, alla tratta di esseri umani e al traffico di migranti in Nord Africa. In particolare, l’iniziativa si basa sul rafforzamento della cooperazione fra i principali attori (governi, ONG e organizzazioni internazionali e regionali).

La Summer School organizzata dall’UNICRI e dalla John Cabot University dall’11 al 15 luglio si focalizzerà sulle violazioni dei diritti umani dei migranti a livello globale ed in particolare sugli abusi che i rifugiati subiscono da parte dei trafficanti.

Diversi eventi sono stati organizzati nel mondo per celebrare la Giornata. A Palazzo di Vetro è in corso una mostra sul tema   e in Italia molteplici iniziative si tengono nella settimana tra il 13 e il 20 giugno, tra queste:

Firenze, il 20 giugno – Tavola Rotonda presso Palazzo Strozzi Sacrati, Piazza Duomo e Sala Pegaso. Segue un concerto che vedrà alternarsi sul palco i Marlene Kuntz, Tre Allegri Ragazzi Morti, i Ministri, Il Teatro degli Orrori, IoSonoUnCane, Paolo Benvegnù, Piotta, Mau Mau, Selton, Sandro Joyeux, Verano, C+C=Maxigross, General Stratocuster & The Marshals e Cosmo.

Luisa Via Roma ha deciso di dedicare ai rifugiati una charity dinner, che sarà organizzata all’interno di un’installazione concettuale dal titolo “The Bridge of Love”, realizzata sull’Arno. Il ricavato della cena sarà devoluto al progetto “Lifeline Jordan” dell’UNHCR

Il 14 giugno, presso la sede del Robert F. Kennedy Human Rights Italia, si è tenuto l’incontro sul tema “Le persecuzioni fondate su orientamento sessuale e identità di genere” promosso da UNHCR, Robert F. Kennedy Human Rights Italia e Comitato Toscana Pride 2016.

Parma, BDC Records (Bonanni Del Rio Catalog) organizza il concerto di Ftoumata Diawara, musicista e attrice del Mali. Il ricavato della serata contribuirà ai programmi di istruzione dell’UNCHR per i bambini vittime del conflitto in Siria

Roma, il Centro per rifugiati JNRC (Refugee Centre Joel Nafuma) sta raccogliendo donazioni di beni di prima necessità da distribuire a tutti i suoi ospiti

Just Music Festival (JMF) aderisce alla Giornata sostenendo l’UNHCR e il suo progetto per l’istruzione di bambini rifugiati Educate a Child che mira a garantire l’istruzione primaria a oltre 700 mila bambini rifugiati. JMF porterà in esclusiva nazionale a Roma Public Enemy, Massive Attack, James Morrison, Jean Michel Jarre, Disclosure, Rosin Murphy, Travis, Thievery Corporation e St.Germain.

Lunedì 20 giugno presso il locale Monk, è stato organizzato un evento musicale promosso da diverse associazioni con la partecipazione di Organetti di CCPT e di Alessandro Parente, Enzo Berardi, Ashai Lombardo Arop, Monica Guerritore, Giuseppe Cederna, Nicola Linfante, Rastablanco (Radici nel Cemento) & Jump (Bandabaracca), Steadyrockerz e Ardecore. Obiettivo della serata è quello di sensibilizzare l’amministrazione romana sulla riorganizzazione del sistema di accoglienza della città, in particolare sulla delibera di iniziativa popolare ACCOGLIAMOCI per chiedere un’accoglienza diffusa sul territorio e finalizzata all’inclusione e al monitoraggio costante del sistema come unica strategia possibile per promuovere l’integrazione dei richiedenti asilo e dei rifugiati.

La petizione, le storie dei rifugiati, le testimonianze di solidarietà di volti famosi della cultura, dello sport e dello spettacolo, nonché informazioni sugli eventi in programma sono disponibili sul sito della campagna 

Per accedere al video promozionale della campagna #WithRefugees, clicca qui

(Fonte: Onuitalia.it)